octotech solutions

Da oltre 6 anni Octotech Solutions aiuta le aziende a raggiungere i propri obiettivi finanziari e di branding.

Come contattarci
Marketing

Marketing agile Italia: in cosa consiste

agile marketing

Marketing agile Italia? Ormai è realtà! Oggi ti aiuteremo a capire in cosa consiste il marketing agile e come sta rivoluzionando il mondo del lavoro. Analizzeremo – infatti – i principali risultati raggiunti dalle aziende che lo hanno implementato in modo efficace.

Nel marketing, l’obiettivo della metodologia agile è monitorare e migliorare costantemente le campagne e le strategie pubblicitarie nel tempo. Ciò contrasta con i metodi più vecchi che attendono il completamento delle campagne per studiare i risultati.

https://compose.ly

Cos’è marketing agile?

marketing agile

Se si vuole godere appieno dei vantaggi collegati al marketing agile è obbligatorio comprendere di cosa si tratta. Possiamo pensarlo come un nuovo approccio interattivo e misurabile per pianificare ed eseguire una valida strategia di marketing. In questo caso, i team si autogestiscono per la creazione collettiva di progetti di alto valore.

Secondo il web il marketing agile può essere definito come:

una strategia di efficacia organizzativa che utilizza team autorganizzati e inter-funzionali che lavorano in interazioni frequenti. Mira a guidare la crescita concentrando gli sforzi del team su coloro che offrono valore al cliente finale.

Wikipedia

Bene. Ma come si sviluppa dal punto di vista pratico? Lo spieghiamo subito.
All’interno di ciascun team si ha un’organizzazione basata su sprint intensi di lavoro limitati nel tempo. Ognuno di essi viene ottimizzato al massimo per concentrare le attività necessarie al raggiungimento dell’obiettivo prefissato.
Quindi viene misurato per comprendere l’impatto che ha avuto. Solo così è possibile migliorare rapidamente e ottenere maggiori risultati.

Attenzione. Per definirsi marketing agile è fondamentale che si tratti di un approccio orientato alla flessibilità lavorativa e all’interazione continua tra i membri del team.
Un’altra caratteristica importante è la velocità con cui si svolgono le diverse attività e si risolvono eventuali errori.

Marketing agile Italia e nel mondo: come nasce?

Sembra che il concetto di marketing agile abbia origini piuttosto lontane. Come spiega la rivista Computer – infatti – intorno alla metà degli anni 50′, la IBM introduce un nuovo metodo “agile” di sviluppo del software, che definisce come iterativo e incrementale.
In sostanza, non si opera più in maniera consequenziale e compartimentata (secondo il classico modello “a cascata”). Ma, appunto, con gruppi adeguatamente autogestiti e messi in comunicazione fra loro.

Successivamente – nel 2001 – 17 sviluppatori di software realizzano il cosiddetto manifesto agile. In questo documento vengono illustrati i 12 principi fondamentali che lo costituiscono e i quattro valori base. Ovvero:

  1. interazione tra gli individui sui processi e gli strumenti;
  2. software funzionante e documentazione completa;
  3. collaborazione con il cliente durante la negoziazione del contratto;
  4. costante risposta al cambiamento nel rispetto di un piano specifico.

L’agile marketing permette alle aziende di conoscere i loro clienti il più velocemente possibile.

Barre Hardy

Marketing agile Italia: lo scopo e i vantaggi

A questo punto viene naturale porsi una domanda: come mai il marketing agile è arrivato a coinvolgere qualsiasi settore del business?
Semplice. Perché è risultato utile per incentivare la collaborazione tra i membri di un gruppo di lavoro. Ma anche con altri stakeholder.

Inoltre, è bastato dare un’occhiata ai frutti raccolti dalle prime aziende. Quelle che hanno puntato sul marketing agile evidenziavano dipendenti in grado di svolgere la propria mansione con un alto livello di qualità.

C’è dell’altro. Il tempo ha messo in luce numerosi altri vantaggi apportati dal marketing agile, come:

  • conquista del target di riferimento in maniera innovativa;
  • raggiungimento più rapido degli obiettivi programmati;
  • ottimizzazione veloce delle campagne;
  • risposta valida ed efficace ai cambiamenti del mercato;
  • collaborazione produttiva fra differenti team;
  • scelte fatte sulla base di dati reali e significativi.

Attenzione. Questi sono alcuni dei tanti traguardi ottenuti dalle aziende sul breve periodo.
Ma ci sono notevoli utilità dal considerare anche sul lato dipendenti e che – per forza di cose – si ripercuotono positivamente sull’impresa stessa. Di cosa parliamo?
Ad esempio della maggiore integrazione, proattività ed efficienza raggiunte… tutte qualità che portano ad instaurare rapporti più duraturi e profittevoli anche con i clienti finali.

Caratteristiche fondamentali per il marketing agile Italia

marketing agile team

Non puoi pensare di passare ad un approccio di marketing agile senza conoscere le sue caratteristiche fondamentali. Diciamo pure che sono regole internazionali, che valgono per qualsiasi paese del mondo.
Dunque… esistono cinque elementi che qualsiasi “team agile” deve avere necessariamente. Li analizziamo subito insieme per non farti commettere errori.

1) Sprint brevi

Lo abbiamo già detto. Il marketing agile si basa su degli sprint che permettono di gestire il lavoro in tempi brevi. Ma – anche e soprattutto – di raggiungere rapidamente l’obiettivo di una campagna. Anche perché, trattandosi di short times, è possibile modificare le attività senza troppi problemi. Inoltre questi sprint sono essenziali per semplificare il lavoro tra i membri di uno stesso team.

2) Collaborazione tra i membri del team

Senza collaborazione non può esistere il marketing agile! Questa è una prerogativa assolutamente indispensabile per far si che il processo di marketing agile funzioni in maniera concreta. Morale della favola: elimina tutte le possibili gerarchie e barriere che ostacolano il lavoro sinergico.
Ogni membro deve essere coinvolto su ogni aspetto del progetto, anche il più banale. Ognuno può essere portatore di un’idea nuova e non va data per scontata. Il nostro consiglio è di incentivare qualsiasi canale comunicativo che favorisca la cooperazione.  

3) Decisioni basate su dati reali

Come per ogni strategia di marketing che si rispetti è importante avere dei dati affidabili.
Nel marketing agile i dati sono assolutamente necessari per il raggiungimento degli obiettivi. Senza di essi non è possibile analizzare – in modo flessibile e veloce – tutte le prestazioni. In più ricoprono un ruolo essenziale per la creazioni di eventuali iniziative o correggere sbagli.

4) Test ripetuti nel tempo

I test ripetuti sono la chiave per il successo del marketing agile. Non viene svolto un unico test per una campagna, ma tante nel tempo. Ciò accade perché, senza una verifica, non siamo capaci di capire quali sono gli errori commessi né individuare le attività più proficue.
La revisione continua serve anche per ottimizzare il flusso di lavoro, essere consapevoli dei risultati che si possono ottenere.

5) Aderenza al Manifesto del Marketing Agile

Può sembrare banale, ma per ottenere una pianificazione riuscita di marketing agile bisogna rispettare i principi fondamentali del manifesto. Solo seguendoli – in maniera puntuale – possiamo mettere in piedi attività davvero valide ed efficaci.
Siamo più che sicuri: bisogna sempre cercare di capire il “perché” che si cela dietro un “cosa”. Questa visione incentiva ogni membro del team a riflettere in modo più ampio sulla giusta decisione da prendere.

L’82% dei dipartimenti marketing non Agile prevede di implementare Agile entro l’anno 2023.

www.agilesherpas.com

Tre framework più diffusi

Ora passiamo alla pratica! Il modello marketing agile col passare degli anni si è evoluto, migliorato ed affinato le tecniche.
I framework attualmente più diffusi e noti sono tre. Li analizzeremo di seguito, per aiutarti a comprendere quale potrebbe essere quello più adatto alle tue necessità.

scrum kanban

Scrum

Il primo framework si chiama Scrum e nasce praticamente insieme al manifesto del marketing agile, per essere applicato (proprio agli inizi) in ambito software.
Il suo obiettivo è creare una cultura fondata sulla trasparenza, sull’adattamento continuo e sull’attenzione. Come funziona? Il lavoro dell’azienda va diviso in team che hanno il compito perseguire delle priorità particolari. Ma vediamo in dettaglio.
All’interno del modello di Scrum ci sono due componenti fondamentali, ossia i ruoli e le cerimonie.

Le cerimonie servono a regolamentare la comunicazione all’interno dei team di marketing agile. Ciò avviene grazie a quattro tipologie di eventi:

  1. pianificazione degli sprint;
  2. scrum giornaliero, noto anche come riunione stand-up;
  3. analisi degli sprint;
  4. retrospettiva degli sprint.

Tre sono, invece, i ruoli chiave. Ovvero:

  1. Team di sviluppo = di supporto al team di produzione, è responsabile della consegna dello sprint e che le varie attività vengano svolte come prestabilito.
  2. Scrum Master = è una specie di project manager che favorisce, semplifica e controlla il lavoro del team.
  3. Owner di prodotto = è in relazione costante con team di sviluppo e stakeholder per capire requisiti/esigenze di entrambe le parti per il raggiungimento dell’obiettivo finale.

Kanban

Il secondo framework del marketing agile si chiama Kanban e nasce nell’ambito del sistema di produzione snella ideato dalla Toyota negli anni ’40. Si tratta di un sistema molto apprezzato dalle aziende perché ha come scopo ultimo il miglioramento continuo.
Chiaro, ma cosa lo rende diverso dal metodo Scrum? Beh, se lo Scrum richiede cicli di lavoro di durata costante, il Kanban si concentra sulla visualizzazione di un flusso continuo di lavoro.
Nella pratica bisogna stabilire le priorità e gestire efficacemente i carichi di lavoro all’interno del team.

Per applicare adeguatamente il metodo Kanban occorre rispettare sei pratiche:

  1. Illustra fisicamente le fasi del lavoro (su una lavagna digitale, schede, eccetera).
  2. Poni limiti temporali.
  3. Gestisci il flusso di lavoro senza interruzioni.
  4. Rendi esplicita ai membri del team la policy adottata.
  5. Imposta riunioni di gruppo regolari per avere feedback.
  6. Imponi attività di analisi, revisione e miglioramento continuo.

Scrumban

Già dal nome possiamo comprendere che questo è il framework più ibrido dei tre. Altro non è che la combinazione dei due framework Scrum e Kanban.
Lo Scrumban, infatti, è un metodo che può essere personalizzato in base al contesto lavorativo in cui si applica. È molto utilizzato da team consolidati e che hanno già compreso il funzionamento del marketing agile. Non c’è una definizione univoca di questo framework. Secondo le necessità dell’azienda o dello specifico team si inseriscono delle caratteristiche di Scrum oppure di Kanban.

Pronto a implementare il marketing agile Italia?

Ora che ha conosciuto i benefici e l’applicazione del marketing agile non ti resta che passare all’azione!
Qual è il nostro ultimo consiglio? Quella di effettuare un’attenta analisi della tua azienda per capire come organizzare bene le attività. L’obiettivo finale è solo uno: devi offrire ai tuoi dipendenti tutti gli strumenti e le capacità necessarie per lavorare in modo agile.

Il 38% dei professionisti del marketing cita la mancanza di formazione o conoscenza come il principale ostacolo all’adozione del metodo agile.

www.agilesherpas.com

Se hai bisogno di aiuto non esitare a contattarci! Noi di Octotech Solutions siamo sempre pronti a offrirti il nostro supporto.

Author

Enrica

Ciao a tutti, sono Enrica (con la enne mi raccomando)! Da quasi 27 anni passo il mio tempo a correggere le persone che sbagliano il mio nome. Con una laurea in comunicazione e marketing ho trasformato le mie passioni in lavoro! Amo scrivere contenuti di ogni genere, l’importante che siano interessanti e utili per i miei lettori. Il mio mantra nella vita è “non annoiarsi mai”. Amo mettermi alla prova ogni giorno con nuove avventure e sfide per arricchirmi professionalmente… e non solo! Nel tempo libero, infatti, mi piace provare nuovi sport e viaggiare verso Paesi poco conosciuti.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *