octotech solutions

Da oltre 6 anni Octotech Solutions aiuta le aziende a raggiungere i propri obiettivi finanziari e di branding.

Come contattarci
Altro

Modello calendario editoriale: come pianificare la tua comunicazione online

piano editoriale

Sei alla ricerca di un buon modello calendario editoriale che semplifichi il tuo lavoro? Perfetto.
Qui potrai trovare differenti soluzioni e alternative totalmente gratuite. Inoltre, ti aiuteremo ad approfondire meglio l’argomento e a comprendere tutte le potenzialità di uno strumento davvero fondamentale per chi si occupa di comunicazione.
Cosa stai aspettando? Prendi carta e penna per gli appunti e inizia a leggere!

Modello calendario editoriale: cos’è?

modello calendario editoriale

Per poter creare un efficace modello calendario editoriale è bene partire dalla sua definizione.
Che cos’é? Innanzitutto, un piano editoriale non si crea dal nulla, ma è il risultato di un’attenta analisi del contesto e del mercato di riferimento. Tutte le informazioni derivanti da questa analisi vengono inserite all’interno del piano editoriale.

Può essere, quindi, definito come un documento strategico, che racchiude tutti i contenuti e i temi che verranno condivisi nei propri canali di comunicazione. Un aspetto importante è l’obiettivo che si vuole raggiungere tramite questa strategia. Insomma, è una mappa da seguire nel tempo, in cui avere sempre ben visibili gli obiettivi di comunicazione e le varie informazioni ottenute.
Per questo motivo durante la creazione del tuo modello calendario editoriale tieni sempre presenti:

  • il target da raggiungere;
  • i canali di comunicazione che andrai a utilizzare;
  • i macro-argomenti che si vogliono condividere in ogni canale.

Perché creare un modello piano editoriale?

Sicuramente ti starai domandando quali vantaggi può portare un modello calendario editoriale.
Chi lo utilizza parla di numerosi e indubbi aspetti positivi. Abbiamo selezionato per te quali sono i benefici più comuni e significativi restituiti dalle aziende.

Minor rischio di errore

Avere dei modelli piano editoriale ben strutturati permette di avere la situazione sotto controllo.
Ciò significa che si evita di pubblicare gli stessi contenuti più volte o di inserire delle grafiche già utilizzate in precedenza. Ricordiamo che un piano editoriale diventa un vero e proprio archivio aziendale, in cui si ha traccia di tutto ciò che è stato prodotto e pubblicato nel tempo.
Potrai – quindi – avere un remainder digitale sempre a portata di mano, così da scongiurare alcuni errori importanti di pubblicazione.

Vantaggi di tempo

Se si ha a disposizione un modello piano editoriale non si dovrà più perdere ore nell’organizzare la pubblicazione e nel suo controllo.
In una sola schermata hai evidenziate le date importanti e i contenuti urgenti da postare, anche in base al periodo dell’anno. Inoltre, avere tutto ben in vista favorisce la creatività. Questo non solo comporta risparmio di tempo nella creazione di altri contenuti, ma permette di pubblicare elementi più efficaci e d’impatto.

Semplificazione delle attività di collaborazione

Questo è un vantaggio riscontrato nelle aziende molto grandi, in cui il team di comunicazione è composto da più persone. Un modello calendario editoriale, infatti, permette di condividere più facilmente i contenuti da approvare e di verificare la timeline degli argomenti da pubblicare.
In una sola dashboard si può conoscere lo stato di un’attività e ciò rende più semplice migliorare eventuali aspetti critici.

Essere organizzati, pianificare i post e monitorare ciò che funziona è il modo migliore per ottimizzare la tua strategia sui social media. Un calendario editoriale può aiutarti a curare contenuti evergreen e a condividere post di alta qualità in date rilevanti e importanti.

Asana.com

Modelli piani editoriale efficaci: consigli e trucchi

pianificazione contenuti

Ora che hai compreso meglio di cosa si tratta e quali sono i vantaggi di un modello piano editoriale… possiamo finalmente passare all’azione. Per godere dei suoi benefici hai bisogno di creare un piano editoriale davvero efficace per la tua strategia. Se commetti errori, però, potresti correre il rischio di fare un buco nell’acqua. Per aiutarti abbiamo preparato per te alcuni consigli semplici (ma validi) da seguire.
Li trovi subito sotto.

Pensa al target di riferimento

Non c’è strumento che può aiutare se non conosci davvero il tuo pubblico di riferimento. Prima di mettere a punto cosa e quando pubblicare devi studiare i tuoi clienti.
Analizza le loro preferenze, i canali che maggiormente utilizzano e gli argomenti a cui sono interessati. Il tuo obiettivo deve essere attirare la loro attenzione e creare engagement. Se hai compreso a chi ti stai rivolgendo realizza una comunicazione ad hoc, con il giusto tone of voice.

Definisci obiettivi misurabili

Una volta analizzato il target devi definire gli obiettivi che vuoi raggiungere con il modello piano editoriale prescelto. Questi obiettivi devono essere chiari e ben misurabili. Perché solo così riuscirai a comprendere se la strategia ha avuto davvero successo.

Studia i tuoi competitor

Cosa hanno già fatto le tue aziende competitor? Quali bisogni non hanno ancora soddisfatto? Quali canali utilizzano? Si tratta di trovare a tutte queste domande delle risposte precise. Risultano fondamentali per riuscire a prendere il meglio dalle loro strategie e trovare la chiave per diversificarti.  

Scegli la giusta piattaforma

Per un buon piano editoriale è indispensabile capire quale o quali piattaforme utilizzare. Questo passaggio dipende da tutti gli step precedenti.
Se sei incerto su alcune piattaforme o non hai abbastanza risorse per gestirle tutte… parti con un solo canale. Il detto popolare “meglio pochi ma buoni” è sempre valido.

Definisci idee e tempi

Una volta che hai posizionato i vari tasselli al loro posto puoi personalizzare il modello piano editoriale e lavorarci sopra. In che maniera?
Ti consigliamo di buttare giù tutte le idee e di dividerle nel calendario in macro-categorie. In questo modo sarà più semplice capire quali condividere e quando.

Un altro aspetto su cui ragionare all’inizio riguarda le tempistiche di pubblicazione. La frequenza non è una banalità. Deve risultare coerente nel tempo, così da abituare il tuo pubblico ai tuoi contenuti.

Cerchi un modello piano editoriale?

Online potrai trovare numerosi modelli piano editoriale! Abbiamo selezionato per te i più utilizzati e apprezzati dalle aziende.

Scopri il modello di Asana

asana

Uno dei modelli piano editoriale più utilizzati è sicuramente Asana. Con questo strumento hai la possibilità di creare e gestire differenti progetti e più bacheche in simultanea.
Inoltre, presenta funzionalità ad hoc in base alla tipologia di strategia prescelta.
C’è un’interfaccia con i contenuti primari, ma anche visualizzazioni specifiche. Ad esempio, puoi utilizzare il modello piano editoriale social, che permette di gestire in un’unica interfaccia i post di differenti canali.
Se, invece, hai impostato il tuo modello sulla pubblicazione di blog ti sarà molto utile la funzione delle etichette personalizzate. Consente, infatti, di suddividere i contenuti per categorie e di renderli facilmente reperibili ai membri del team.

Asana mette a disposizione dei liberi professionisti e delle piccole realtà una versione gratuita. Se si ha un’azienda con molti collaboratori è consigliato il piano Starter o Advanced a pagamento.

Il modello calendario editoriale di Trello

Un altro modello molto popolare è Trello. Risulta particolarmente apprezzato se hai bisogno di creare delle TO DO LIST. Per ogni piano editoriale potrai scegliere un titolo, una data di scadenza ed eventuali allegati utili per il piano editoriale.
Dalla dashboard iniziale è possibile scegliere il template adatto per personalizzare il tuo calendario. Anche con questo modello avrai la possibilità di suddividere i contenuti in etichette per facilitarne la ricerca.

Per evitare errori ed accertarsi di rispettare sempre le scadenze basta accedere alla visualizzazione a Timeline: presenta le varie task ordinate cronologicamente. Inoltre, è possibile utilizzare sistemi automatizzati per creare delle checklist o impostare degli avvisi relativi a scadenze o richieste.

Per usufruire dei servizi Trello puoi scegliere tra un piano gratuito con funzionalità minime e differenti piani a pagamento, sia con impegno mensile che annuale.

Notion e il suo modello calendario editoriale

modelli piani editoriali

Un’altra piattaforma interessante per la creazione di un modello piano editoriale è Notion. Qui puoi inserire – per ogni piano – liste con le tematiche trattate e diversificate anche in base alla piattaforma utilizzata. Rispetto ai precedenti modelli, su Notion puoi creare un wiki del team, così da avere tutte le informazioni e documenti utili in un solo spazio. Per incentivare la collaborazione è possibile inserire collegamenti ipertestuali.

Per automatizzare alcuni processi, invece, puoi creare dei modelli di database da personalizzare facilmente in occasioni specifiche. Inoltre, se hai attività ricorrenti puoi programmarle. Queste attività possono anche essere collegate ai progetti per poter monitorare ogni aspetto e capire (in ogni momento) in che fase ti trovi. 

La versione gratuita di Notion è principalmente pensata per liberi professionisti. Se hai un’azienda ti suggeriamo di optare per un piano a pagamento.

Modelli piano editoriale: tre template gratuiti

Online potrai trovare molti modelli piano editoriale completamente gratuiti che puoi personalizzare. Abbiamo scelto per te i tre più performanti e più utilizzati. 

Hubspot

L’azienda mette a disposizione differenti template gratuiti facilmente scaricabili dal sito ufficiale. Sono strutturati e pensati per aiutarti a gestire il tuo piano editoriale in modo semplice, ma efficace. Il template di Hubspot è particolarmente consigliato se la tua strategia si sviluppa all’interno del blog del tuo sito.

Bob Angus

Sei bravo a utilizzare Excel? Perfetto, allora puoi optare per il modello di piano editoriale firmato Bob Angus. Una volta scaricato il file potrai personalizzarlo, senza problemi, in base alle tue necessità operative.

Marketing Nutz

Un modello piano editoriale social particolarmente riuscito è quello di themarketingnutz.net, totalmente gratuito. Dopo averlo scaricato sul tuo pc avrai già una base su cui lavorare e mettere in pratica la tua strategia di comunicazione.

Pronto a creare il tuo piano editoriale?

Ora hai tutto ciò che ti serve per creare un modello piano editoriale efficace, adatto a semplificare il tuo lavoro di comunicazione online.
Qual è il passaggio successivo? Semplice: non devi far altro che definire la giusta strategia e passare all’azione. Se hai ancora qualche dubbio, però, non esitare a contattarci. Il nostro team è sempre pronto a rispondere a ogni tua curiosità e ad aiutarti.

Author

Enrica

Ciao a tutti, sono Enrica (con la enne mi raccomando)! Da quasi 27 anni passo il mio tempo a correggere le persone che sbagliano il mio nome. Con una laurea in comunicazione e marketing ho trasformato le mie passioni in lavoro! Amo scrivere contenuti di ogni genere, l’importante che siano interessanti e utili per i miei lettori. Il mio mantra nella vita è “non annoiarsi mai”. Amo mettermi alla prova ogni giorno con nuove avventure e sfide per arricchirmi professionalmente… e non solo! Nel tempo libero, infatti, mi piace provare nuovi sport e viaggiare verso Paesi poco conosciuti.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *